Uggè: "Il solito trasporto unito. Ora facciamo il punto"

Dal Nazionale 14/03/2022
Generico

Diciamolo con franchezza, le azioni violente con cui alcuni hanno tentato di bloccare gli autotrasportatori intenzionati a lavorare, sono miseramente fallite. Diverse, invece, sono state le imprese che hanno seguito l’invito di FAI – Conftrasporto a tenere i mezzi fermi nei piazzali qualora l’aumento dei costi rendesse poco remunerativo il servizio, secondo quanto previsto dell’art. 1467 del Codice Civile.

Mentre non ci lascia affatto sorpresi l’irresponsabilità ancora una volta dimostrata da una certa parte della rappresentanza di categoria, restiamo invece sinceramente sconcertati dall’inerzia di alcuni attori istituzionali, di fronte alla quale non resta che sperare in una assunzione di responsabilità da parte del Capo del governo.

I prezzi del gasolio in Italia superano di gran lunga quelli applicati in diversi Paesi europei, eppure il nostro ministro competente (non più dei trasporti e delle Infrastrutture, ma della “mobilità sostenibile e pure dolce”) ad oggi non ha ritenuto di dover intervenire sulla situazione, che pure rischia di diventare esplosiva.  D’altro canto, il ministro della transizione ecologica denuncia che, sui carburanti, si starebbero consumando delle speculazioni colossali. Sorge allora spontanea la domanda: chi deve intervenire, se le pesanti accuse lanciate dal titolare del dicastero della transizione ecologica, rispondono alla realtà? Ed ancora: il titolare del dicastero della mobilità sostenibile, al quale comunque sono demandate le tematiche dei trasporti, dov’è? Giusto che si occupi di temi ambientali e della mobilità green ma in questo frangente, in cui è a rischio l’intera economia del Paese, non dovrebbe sostenere il meritevole sforzo e l’impegno che la viceministra Bellanova sta sostenendo per evitare che le tensioni deflagrino definitivamente? Si direbbe quasi che nel nostro Paese vi siano due ministri che si occupano di transizione ecologica e nessuno che si occupi dei trasporti.

LEGGI l'articolo completo 

trasportounito
Condividi questa pagina